Ciao ciao GPS: Benvenuto sistema di posizionamento Galileo! - OneUpDroni
12570
post-template-default,single,single-post,postid-12570,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-2.4,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Ciao ciao GPS: Benvenuto sistema di posizionamento Galileo!

Ciao ciao GPS: Benvenuto sistema di posizionamento Galileo!

10:06 15 dicembre in Notizie dal mondo, Nuove tecnologie, Ricerca e sviluppo
0 Comments

Nuovo posizionamento con GALILEO

Ci sono voluti ben 17 anni di studio, progettazione e realizzazione. E da oggi, 15 dicembre 2016 diamo il via al programma satellitare europeo Galileo. Avremo a disposizione una piattaforma migliore di quelle offerta fino ad oggi dagli Usa (GPS) e Russia (GLONASS).

Il progetto Galileo è nato grazie alla sinergia fra la Comunità Europea e l’European Space Agency (ESA). La spesa prevista iniziale era di 1.8 miliardi di euro, lievitata poi a più di 10 miliardi di euro nel corso degli anni. La partenza era infatti inizialmente prevista per lo scorso 2008, posticipata poi a causa del lancio di 2 satelliti in orbite sbagliate.

Il sistema sarà composto da 30 satelliti, di cui 24 saranno pienamenti attivi mentre i restanti 6 fungeranno da riserve nel caso di malfunzionamenti dei principali. Grazie ad essi con Galileo è possibile raggiungere una precisione di tracciamento di addirittura 1 metro (civili), un centimetro (governativo). Per intenderci, il sistema GPS ci dice che un treno è in questo determinato punto, invece con Galileo ci dice in che binario si trova.

L’obiettivo di fondo è quello, in sostanza, di rendere l’Europa indipendente dal punto di vista del posizionamento satellitare. Ricordiamoci che sia il GPS che il Glonass sono nati ad uso militare e poi offerti ai civili; quindi potrebbero essere spenti da un momento all’altro.

Nel 2020 che il sistema entrerà a pieno regime, visto che da quel momento potrà fornire dati di una precisione straordinaria, grazie all’utilizzo di orologi atomici.

Stando a quanto affermato da Qualcomm, gli smartphone su base Snapdragon 435/617/625/650/652/820/821 sarebbero già compatibili, previa attivazione del sistema tramite aggiornamento software e firmware. 

Nei prossimi mesi e anni, tutti gli strumenti tecnologici nasceranno completamente compatibili con questo nuovo sistema di posizionamento. I droni avranno presto anche loro questa predisposizione.

Admin

mattiagazzotti@gmail.com
No Comments

Post A Comment